Straordinaria vittoria per Greg Van Avermaet che si aggiudica la 115.ma edizione de la Paris-Roubaix battendo in una volata ristretta i compagni di fuga Zdenek Stybar e Sebastian Langeveeld.

L'affermazione odierna (la prima in una corsa monumento n.d.r.) va a completare una striscia di vittorie iniziate con la Gand Wevelgem, proseguite con il G.p. E3 Harelbeke e la Nieuwsblad.be portando in dote al Campione Olimpico in carica, un bagaglio di vittorie importanti che gli permettono di diventare il "Padrone assoluto delle Pietre"...

E dire che la giornata non era incominciata per il verso giusto, Van Avermaet é rimasto subito appiedato come spesso capita in questa corsa da un incidente meccanico mentre il gruppo era era intento ad affrontare a forte velocità la foresta di Aremberg, prontamente assistito dai propri meccanici ma costretto ad un lungo insegiumento terminato quando al traguardo mancavano poco piu di 80 km...

Il BMC Racing Team guidato in ammiraglia da Valerio Piva ha compiuto un vero e proprio capolavoro tartico mandando all' attacco Daniel Oss intuizione tecnica che ha agevolato il rientro di Van Avermaet permettendogli di respirare quel tanto che basta per recuperare al meglio le energie spese per rientrare nel gruppo di testa. Tutto il resto é cronaca, a poco.piu di 25 km dal traguardo Van Avermaet insieme ad un gruppetto di 7 unitá riesce ad avvantaggiarsi quel tanto che basta per riuscire ad arrivare a giocarsi la vittoria nel Velodrom di Roubaix.

Queste le sue dichiarazioni: "Sono quasi incredulo di questa vittoria..ho sempre pensato di non esser adatto per queste corse, forse mi sbagliavo, la squadra mi hacsupportato magnificamente una grossa fetta di questa vittoria la devo dividere con Daniel Oss che mi ha giocato un ruolo fondamentale per questa vittoria".